STEFANO

PARRUCCHIERI

nel frattempo...

"appunti di viaggio"



(gli ultimi)

letti


17/07/2017

I 4 COLORI DELLA PERSONALITA'
di Lucia Giovannini e Nicola Riva

Libro di formazione.
Sulle basi della PNL, questo libro suggerisce una tecnica per suddividere in 4 macro personalità tutte le tipologie di carattere, temperamento, modi di essere, indole. Con questo sistema le 4 tipologie vengono rappresentate con 4 colori e chiare carateristiche per ognuno. Il libro insegna a riconoscerle, prima su noi stessi e poi sugli altri, in modo da avere uno strumento in più per interagire nel modo migliore con chi ci sta davanti.
Interessante.



03/07/2017

LO SPAZIO TRA LE NUVOLE
di Camila Raznovich
Racconto autobiografico dei suoi primi quarant'anni, molti dei quali vissuti viaggiando.
Prima con i genitori hippy, che l'hanno portata per qualche anno a vivere in India in una comunità Osho. Poi da sola, a cominciare dai suoi 17 anni, zaino in spalla e mantenendosi da sola. Fino all'età adulta, viaggiando per lavoro, per conoscere le origini della sua famiglia, per cercare le risposte alle domande che la vita ci pone!
E poi con le due figle... già da molto piccole... affrontando dubbi, paure ed insicurezze ma sempre con la voglia di scoprire cosa c'è intorno a noi.



12/06/2017

CIO' CHE INFERNO NON E'
di Alessandro D'Avenia
...e bravo D'Avenia!
Con questo romanzo racconta una storia di coraggio, amore, speranza, ambientata nella sua città natale, Palermo, nel 1993.
Protagonisti sono Padre Pino Puglisi, personaggio reale, ucciso dalla mafia proprio in quel anno, e tutti i ragazzi/bambini che lui aiuta per farli uscire dal degrado di una città oppressa dai tentacoli della cupola!
Non avevo mai letto niente di suo e devo dire che mi ha sorpreso. Quando descrive l'Amore alcune parole, alcuni concetti che utilizza, arrivano veramente al bersaglio... in profondità.
Libro che mi è stato consigliato... e, cosa molto difficile, il consiglio si è rivelato azzeccato. Grazie.



22/05/2017

IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI
di Carlos Ruiz Zafòn
Primo lavoro che leggo di questo autore e temo che questo sia stato il mio errore. Perchè questo romanzo di 800 pagine è il quarto di una serie... e probabilmente non è stata una buona idea leggerlo senza avere letto i 3 precedenti.
In più di qualche momento ho fatto fatica, l'ho trovato sconclusionato, mi mancava sicuramente qualche collegamento con le storie precedenti.
A parte questa mia lacuna, l'autore ha un modo di scrivere, a mio parere, inutilmente prolisso... con metà delle pagine avrebbe raccontato perfettamente la stessa storia, annoiando di meno!



26/02/2017

L'ESECUTORE
di Lars Kepler
Secondo titolo che leggo di questo autore. A differenza del primo "l'uomo della sabbia" che ho trovato molto avvincente e che lascia in più momenti col fiato sospeso, quest'altro di thriller non ha proprio niente.
Questo romanzo è un'indagine poliziesca, senza sussulti ne colpi di scena dell'ultimo momento.
Personalmente non ha laciato niente.





(gli ultimi)

provati


27/02/17

LA COLLEZIONE GELMAN: ARTE MESSICANA DEL XX SECOLO
Palazzo Albergati, Bologna.
Interessante mostra, dove il fulcro è certamente Frida Kahlo con i suoi dipinti, oltre che a foto e scritti sulla sua vita.

Pregevoli anche le altre opere di questa esposizione, soprattuto quelle di Diego Rivera (marito di Frida) e la corposa esposizione di abiti... sempre di Frida Kahlo.



Presente anche una riproduzione del suo letto, con lo specchio sul "soffitto" dove lei poteva vedersi, per ritrarsi, nei lunghissimi periodi in cui fu obbligata a restare allettata a causa del grave incidente che subì.

Curioso cosa teneva sopra il baldacchino del letto...



29/01/17

ANDY WARHOL
30 years later

museo civico, Asolo.










(gli ultimi)

visti


FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO
Commedia dolce amara, che racconta di un padre che cresce la figlia (quasi) da solo, facendola vivere nel modo più spensierato e giocoso possibile. Anche inventando, per protegerla, storie che mantengono il loro rapporto in un mondo di favola e fantasia.
Il film non è un capolavoro, ma vale la pena vederlo per l'umanità nei rapporti.



ELLE
Una brava Isabelle Huppert è protagonista di questo film assolutamente originale, dove il confine tra desiderio, seduzione e violenza è, pericolosamente, molto labile!
A dire il vero tutti i personaggi sono, chi per un motivo chi per un altro, dei potenziali psicopatici. Ne consegue che tutte le situazioni che si creano, sono particolarmente paradossali.
Da vedere.



IL DIRITTO DI CONTARE
Bellissimo film.
1961... basato su fatti realmente accaduti, è la storia di un gruppo di donne di colore assunte alla NASA per fare calcoli matematici.
In particolare il film racconta di tre di loro che si sono particolarmente distinte, nel loro ambito professionale, per le capacità e per i risultati che sono riuscite a raggiungere. Nonostante lo scetticismo, la diffidenza e l'ostruzionismo che dovettero subire da parte della società e dei loro colleghi di pelle bianca.



SPLIT
Definito di genere thriller/horror, questo film è veramente molto particolare. Secondo me un bel film!
Alcune scene fanno fare un salto sulla poltrona... e, comunque, le due ore della durata sono praticamente due ore di cardiofitness, senza mai un attimo di tregua.
Il protagonista James McAvoy eccezionale!



ARRIVAL
Non male! Originale nella sceneggiatura, ma mi aspettavo qualcosa di più!
Soprattutto nel finale dove la morale, per noi umani/spettatori, è: "vogliamose tutti bene e salveremo il mondo". Onestamente potevano risparmiarsela! Ce l'aveva già propinata Rocky dopo aver battuto Ivan Drago, invece del suo classico "Adrianaaaaaaa".



THE FOUNDER
Un grande bastardo!
Però si potrebbe anche togliere l'appellativo offensivo e lasciare solo "un grande"!
Si, perchè questo signor nessuno, di cinquant'anni, venditore di frullatori, ha saputo vedere oltre... credere in un'idea e portarla avanti anche a costo di calpestare qualcun altro.
Il segreto per il successo, come lui stesso diceva: perseveranza e determinazione!